SOStieni il mio blog


With your help, I can continue to provide free information on the Web.



26/01/10

La despedida

Nel momento in cui uno si appresta ad intraprendere un lungo viaggio, la DESPEDIDA, diventa importante organizzare un evento per salutare tutti gli amici! In questo momento la partenza è imminente e, se è certo la data della partenza, alquanto incerto risulta essere quello del ritorno... Per questo si vorrebbe salutare tutti gli amici senza dimenticarne uno! Per questo si organizza la festa per colui che parte... Anche 31 anni fa, a Sant'Antao, mi organizzarono una DESPEDIDA che ancora ricordo e sogno ad occhi aperti, con tanti amici e persone sincere che mi erano intorno, erano venuti solo a salutarmi... ero piccolo e molte cose le ho perse nella memoria, però alcune volte riaffiorano nei ricordi dei presenti qualche attimo che, preso dal momento, avevo dimenticato e che rivissuti dopo molti anni di danno una carica straordinaria... ho saputo, ad esempio, che per la mia partenza i miei amici mi avevano dedicato una canzone per radio e che mentre partivo, cavalcando un mulo per le vie rocciose di sant'antao, in radio andava in onda questa canzone con la dedica da parte di tutti i miei amici e parenti... Una cosa meravigliosa! Chi parte ha bisogno di questo: portare con se dei ricordi che non entrano nella valigia, per più grande che possa essere, bensì nel cuore di chi parte: un saluto, un sorriso, un abbraccio, una lacrima di felicità o di dispiacere... sono queste le cose che si portano a chi parte, sono queste le cose che ad egli fa piacere portare via con sè!

Magari diventasse una tradizione per chiunque intraprendesse la via verso paesi lontani...

Lasciatemi qui sotto i vostri saluti... non immaginate quanto mi faranno bene nei momenti di "sodade", di "nostalgia"....

2 commenti:

Monica Do Monte ha detto...

Ciao Jorge,
vengo a sapere solo ora (sia tramite facebook, che tramite Antonio Danise) che hai deciso di partire. Non ne so il motivo perchè non ho seguito la trasmissione alla radio ma lo immagino un pò, anche perchè deve essere lo stesso che balena spesso in testa anche a me e penso che passi in testa a tanti giovani in questo periodo.
Qualunque sia la ragione ti auguro tutto il bene del mondo perchè te lo meriti.
Tanti auguri per il tuo nuovo cammino..
Monica Do Monte
p.s.:mille grazie x l'aiuto con quel ragazzo, Hermes, che a quanto pare si è trasferito a Capo Verde :)
Vanno via tutti,sarà un segno?!
Meglio pensarci bene su..

laura ha detto...

oddio, anch'io colgo tutto così all'improvviso... io ti auguro solo di trovare la tua dimensione, una dimensione che per me ancora non è qui in questa cittadina degli USA.

ti dedico questa frase che ho nel profilo di Facebook:
"I long, as does every human being, to be at home wherever I find myself.” ―Maya Angelou "

poi ho scoperto che la Angelou è una scrittrice famosissima...

bacissimi e tanti tanti in bocca al lupo

Laura Cambriani

XXXIII° ANNIVERSARIO DALL'INDIPENDENZA DI CAPO VERDE

XXXIII° ANNIVERSARIO DALL'INDIPENDENZA DI CAPO VERDE
J. Canifa Alves, l'On.le M. Monteiro, l'On.le Frias, l'On.le Sousa, rappresentante Caritas F. Pittau

Un libro può salvare la vita

  • edgar allan poe - racconti
  • Gabriel Garcia Marquez - Cent'anni di solitudine
  • Isabel Allende - il piano infinito
  • Luis Romano - famintos
  • Michael Ende - la storia infinita

MONDO MIGRANTE

Los Angeles – Charlize Theron è diventata cittadina americana. Ad annunciarlo la stessa attrice durante il David Letterman Show: “ho sempre desiderato essere cittadina americana, ma loro non volevano accettarmi… Ho dovuto studiare. Inoltre era difficile non pensare a qualche trucco all’esame, come quando a me, di madrelingua inglese e sudafricana, è stato dato un foglio e mi è stato chiesto di scrivere correttamente la frase: è una giornata di sole”.

Un premio Oscar all’ umorismo americano… ma si diamo loro anche un “Tapiro d’oro”.

Le rivoluzioni non necessariamente rappresentano delle soluzioni... sicuramente ti danno linfa vitale!

RAIZ-LONGE

RAIZ-LONGE
dietro: Benny Hopffer Almada, Giovanni Mone, Alfredo Pierantozzi; al centro: Marta Poretti, Viviana Alves, Jorge Canifa Alves, Cateline Hopffer Almada, Lorena Salvatori, Walter do Rosario; in basso: Hamdi Dahir, Linda Evora, Aderico Brito.